Un uomo cieco dalla nascita è stato guarito da Gesù. Gesù ha messo del fango nei suoi occhi e gli ha detto di lavarseli. Quando l’ha fatto ha cominciato a vedere e ha testimoniato di quello che Gesù aveva fatto per lui, guarendolo, davanti capi religiosi.

Leggi la storia – Giovanni 9:1-12

Camminando, Gesù passò accanto a un uomo che era cieco fin dalla nascita. I discepoli chiesero a Gesù:

— Maestro, se quest’uomo è nato cieco, di chi è la colpa? Sua o dei suoi genitori?

Gesù rispose:

— Non ne hanno colpa né lui né i suoi genitori, ma è così perché in lui si possano manifestare le opere di Dio. Finché è giorno, io devo fare le opere del Padre che mi ha mandato. Poi verrà la notte, e allora nessuno può agire più. Mentre sono nel mondo, io sono la luce del mondo.

Così disse Gesù, poi sputò in terra, fece un po’ di fango e lo mise sugli occhi del cieco. Poi gli disse:

— Va’ a lavarti alla piscina di Siloe (Siloe vuol dire «mandato»).

Quello andò, si lavò e tornò indietro che ci vedeva.

Allora i vicini di casa e tutti quelli che prima lo vedevano chiedere l’elemosina dicevano:

— Ma questo non è il mendicante che stava lì seduto a chiedere l’elemosina?

Alcuni rispondevano:

— È proprio lui.

Altri invece dicevano:

— Non è lui, è uno che gli somiglia.

Lui però dichiarava:

— Sì, sono io.

La gente allora gli domandò:

— Com’è che non sei più cieco?

Rispose:

— Quell’uomo, che chiamano Gesù, ha fatto un po’ di fango e me l’ha messo sugli occhi. Poi mi ha detto: Va’ a lavarti nella piscina di Siloe. Ci sono andato, mi sono lavato e ho cominciato a vedere.

Gli domandarono:

— E dov’è, ora, quell’uomo?

Rispose:

— Non lo so.

Contattaci su Facebook

Vieni a imparare con noi a vivere come Gesù